FAQ

Candidarsi non ha alcun costo così come la gestione della pratica: richiedere di partecipare è completamente gratuito sia per i cittadini che per gli studenti.

Il rapporto di coabitazione verrà regolato da un regolare contratto di di affitto ad uso transitorio.
A questo documento verrà affiancato un “Regolamento di buona convivenza” che potrà essere declinato sulle esigenze e bisogni specifici dei coabitanti.

Se la convivenza non dovesse andare a buon fine alle parti sarebbe concesso di rescindere liberamente come previsto dal contratto di affitto stipulato.

Certo, è comunque possibile candidarsi. L’équipe che seguirà i matching tra ospiti e ospitanti si occuperà di valutare la presenza di una soluzione alloggiativa adeguata per le tue necessità.

Il contratto di abitazione sarà un contratto di locazione ad uso transitorio della durata di 12 mesi con possibilità di proroga. L’équipe fornirà supporto alle famiglie ospitanti al fine di registrare regolarmente il contratto presso l’Agenzia delle Entrate.

L’équipe di progetto cercherà di accostare le persone più affini per quanto riguarda le abitudini, le aspettative e il tempo che si desidera trascorrere insieme.
A seguire avverrà un incontro in presenza durante il quale si faciliterà la prima conoscenza tra host e studente. In questa occasione ci sarà la possibilità per le due parti di organizzarsi in modo autonomo per la visione dell’alloggio, che comunque sarà già stato visionato in precedenza dai membri dell’équipe.

L’équipe di progetto verificherà la disponibilità dell’immobile o la possibilità di locazione da parte dei proprietari. Qualora i requisiti risultassero soddisfatti, si procederà ad organizzare un incontro conoscitivo a cui seguirà un incontro presso l’abitazione dell’host per verificare l’idoneità dell’immobile e le caratteristiche dello stesso.

    Non hai trovato la risposta che cercavi?